Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Pniec, a ottobre le valutazioni “individuali”
23/07/2020 - Pubblicato in news internazionali

La valutazione “individuale” dei Piani nazionali energia e clima arriverà in ottobre e la Commissione europea sta valutando se inserire nelle osservazioni sui Pniec raccomandazioni per costruire i piani nazionali di ripresa che gli Stati dovranno mettere a punto per accedere ai finanziamenti del Recovery Fund. L'annuncio è arrivato da Stefano Grassi, capo di gabinetto della commissaria europea all'Energia Kadri Simson, intervenendo al webinar di Confindustria Energia “Infrastrutture energetiche per la ripresa dell'Italia e per lo sviluppo del Mediterraneo”, in corso di svolgimento. La valutazione complessiva dei Pniec sarà portata a termine, come preannunciato, in settembre, parallelamente al piano per aumentare gli obiettivi di riduzione delle emissioni al 2030 al 50-55%, per il quale stiamo finalizzando l'analisi impatto. Grassi ha elogiato il Pniec italiano in confronto ad altri Piani nazionali, sia per il tempismo che per l'ambizione e ha sottolineato che si tratta di una “leva che deve essere sfruttata appieno”. Rispetto all'accordo raggiunto ieri, Grassi si è detto soddisfatto “per la crescita al 30% dell'obiettivo per le spese relative al clima” e preoccupato “per lo spostamento di risorse dal Just Transition Fund e dal Invest EU al Recovery Fund”, una scelta che “dà più spazio alle scelte dei singoli Stati”. Infine, citando il Decreto Semplificazioni, Grassi ha sottolineato l'importanza di “accelerare al massimo la realizzazione di impianti di produzione di elettricità da fonti rinnovabili”, anche in relazione all'idrogeno verde, per cui è “cruciale intervenire su permessi e tempi di autorizzazione”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]