Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Più lontano il sogno di rifornirci di petrolio e gas “made in Usa”
17/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Poter acquistare petrolio e gas dagli Stati Uniti, piuttosto che dalla Russia o dalle instabili regioni di Medio Oriente e Nord Africa, era un sogno accarezzato da molti in Europa. Ma la prospettiva di ricevere forniture consistenti dagli alleati americani si sta allontanando sempre di più. Il tentativo di cancellare il vecchio divieto di esportazione del greggio americano - che già aveva poche chance di successo – appare decisamente velleitario dopo la presa di posizione della Casa Bianca, che rompendo un lungo silenzio sulla questione martedì si è schierata contro l’ipotesi di un’abrogazione da parte del Parlamento. Nel frattempo la neonata industria americana del Gnl rischia di essere soffocata in culla, non dalla politica, bensì dalle leggi di mercato. Il Gnl americano ha infatti già perso il vantaggio competitivo sui mercati internazionali.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]

Saipem si aggiudica due contratti per 1,3 miliardi

Saipem si è aggiudicata due contratti Epic assegnati dal cliente Saudi Aramco per un importo totale di 1,3 miliardi di dollari Usa per le attività offshore in Arabia Saudita.
[leggi tutto…]

Upstream, a Eni 13 licenze esplorative in Norvegia

Vår Energi, controllata da Eni con il 69,6% si è aggiudicata 13 licenze esplorative nell'ambito della gara “Awards in Predefined Areas 2018” gestita dal ministero del Petrolio ed energia norvegese.
[leggi tutto…]