Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Più lontano il sogno di rifornirci di petrolio e gas “made in Usa”
17/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Poter acquistare petrolio e gas dagli Stati Uniti, piuttosto che dalla Russia o dalle instabili regioni di Medio Oriente e Nord Africa, era un sogno accarezzato da molti in Europa. Ma la prospettiva di ricevere forniture consistenti dagli alleati americani si sta allontanando sempre di più. Il tentativo di cancellare il vecchio divieto di esportazione del greggio americano - che già aveva poche chance di successo – appare decisamente velleitario dopo la presa di posizione della Casa Bianca, che rompendo un lungo silenzio sulla questione martedì si è schierata contro l’ipotesi di un’abrogazione da parte del Parlamento. Nel frattempo la neonata industria americana del Gnl rischia di essere soffocata in culla, non dalla politica, bensì dalle leggi di mercato. Il Gnl americano ha infatti già perso il vantaggio competitivo sui mercati internazionali.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]