Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il piano A2A per l’utility lombarda
09/12/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il passaggio chiave sarà nei prossimi giorni. Se con le delibere di indirizzo i principali consigli comunali coinvolti daranno il via libera alla Multiutility della Lombardia, A2A riuscirà a mettere in rete tutte le Province (eccetto Mantova) di una delle Regioni più ricche d’Europa dopo avere già chiuso l’anno scorso l’acquisizione del 51% di Lgh. La strada, per certi versi, ricalca quella seguita in passato dal colosso tedesco Rwe, ma nel caso specifico A2A e tutte le società coinvolte dal riassetto – con il supporto dell’advisor Pwc – hanno elaborato uno schema particolare, ora all’esame dei soci pubblici, che individua una quadratura del cerchio sotto il profilo finanziario e degli equilibri di governance. A2A, infatti, avrà il 40% circa di Acsm-Agam, l’utility di Como e Monza (di cui oggi la stessa A2A detiene già il 24%, ma non consolida), che a sua volta incorporerà le municipalizzate di Lecco e Provincia (Lario Reti Holding), Valtellina e Valchiavenna (Aevv) e Varese (Aspem). Tutti i soci pubblici di queste aziende riceveranno in cambio azioni della quotata Acsm-Agam e ne deterranno così la magioranza, con una partecipazione tra il 45% e il 48%. Al di là delle cifre puntuali del nuovo assetto azionario, ancora soggette a possibili aggiustamenti, c’è un punto fermo: A2A, che conferirà alla nuova entità alcuni impianti idroelettrici in provincia di Como oltre al 9,4% detenuto in Aevv e al 90% di Aspem, svolgerà il ruolo di partner industriale. A2A, con il proprio peso industriale e finanziario, dovrà supportare le municipalizzate lombarde – tutte aziende competitive oggi ma di fronte a un futuro sfidante – a difendere il proprio ruolo sul territorio: nelle gare sulla filiera ambientale e soprattutto sul gas negli ambiti di Como, Monza, Lecco e Varese (dove 2i Rete Gas è pronta a giocare le proprie carte), senza dimenticare la liberalizzazione del mercato elettrico del 2019.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]