Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Più risorse per il gasdotto Tap
15/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Sarebbe pronto un plafond a titolo di futuro aumento di capitale per il consorzio Tap. Secondo l’articolo, i soci avrebbero già versato pro-quota a titolo di futura ricapitalizzazione 143 milioni di franchi svizzeri, intorno ai 130 milioni di euro. Nello specifico, Snam, azionista di Tap con il 20% dopo essere subentrata a Statoil, ha stipulato un contratto derivato forward su valuta “a copertura del rischio di oscillazione del tasso di cambio a fronte del debito di Snam verso la società partecipata Tap, a corrispondere 28,6 milioni di franchi svizzeri a titolo di futuro aumento di capitale sociale”. Secondo Snam il primo gas è previsto entro il 2020. Ma a dettare la tabella di marcia è in realtà la fase 2 dello sviluppo del giacimento azero di Shah Deniz, nel Mar Caspio, dal quale il gasdotto attingerà il gas da portare fino in Italia. Il gasdotto a regime trasporterà fino a 8 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Continuano, nel frattempo, le polemiche che accompagnano la realizzazione del progetto in Italia, rispetto alle quali Tap ha dovuto confermare che la procedura di Via risulta conclusa dall’11 settembre 2014.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]