Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Phase out carbone, i cronoprogrammi possono aspettare
01/02/2019 - Pubblicato in news nazionali

Scadeva oggi il termine per la presentazione al ministero dell'Ambiente delle carte per il riesame Aia di molti grandi impianti di combustione italiani. Enel Produzione ha fatto sapere di aver inviato al ministero la documentazione tecnica per il riesame e con essa "il proprio posizionamento rispetto alla richiesta" di presentare piani di dismissione degli impianti. Insomma il gruppo non pare aver ancora inviato un vero e proprio piano di dismissione. A Enel fanno capo tra gli altri gli impianti a carbone di Torrevaldaliga Nord, entrato in funzione nel 2009, e di Brindisi Sud, che ha ancora un ruolo di rilievo nel sistema elettrico.  Si tratta di due dei quattro impianti per i quali nei giorni scorsi Assocarboni auspicava una clausola di salvaguardia che ne consenta la prosecuzione in esercizio fino al 2038.  

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]