Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Phase out carbone, i cronoprogrammi possono aspettare
01/02/2019 - Pubblicato in news nazionali

Scadeva oggi il termine per la presentazione al ministero dell'Ambiente delle carte per il riesame Aia di molti grandi impianti di combustione italiani. Enel Produzione ha fatto sapere di aver inviato al ministero la documentazione tecnica per il riesame e con essa "il proprio posizionamento rispetto alla richiesta" di presentare piani di dismissione degli impianti. Insomma il gruppo non pare aver ancora inviato un vero e proprio piano di dismissione. A Enel fanno capo tra gli altri gli impianti a carbone di Torrevaldaliga Nord, entrato in funzione nel 2009, e di Brindisi Sud, che ha ancora un ruolo di rilievo nel sistema elettrico.  Si tratta di due dei quattro impianti per i quali nei giorni scorsi Assocarboni auspicava una clausola di salvaguardia che ne consenta la prosecuzione in esercizio fino al 2038.  

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]