Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio. La visione di Khalid: privatizzare l’oro nero d’Arabia
16/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

In Arabia Saudita non esiste più il Ministero del Petrolio: il cambio di nome ha portato, inoltre, ad un cambio al vertice con Khalid al-Falih, presidente della compagnia petrolifera di Stato, la Saudi Aramco, e grande consigliere del principe Mohammed, l’astro nascente del regno. Il nuovo ministro è convinto che i Paesi produttori di greggio a basso costo, come il suo, debbano pompare il più possibile, relegando gli idrocarburi più difficili da produrre e quindi più cari, come l’olio da scisti, ai momenti in cui la richiesta è più alta. Se Riad continuerà a pompare petrolio senza curarsi delle quotazioni, almeno finché lo farà l’Iran, il suo più grande rivale, è chiaro che il prezzo del barile resterà mediamente basso. Il piano saudita è quello di allentare la presa dello Stato sull’economia ed include la vendita di una quota di Saudi Aramco, con la più grande offerta pubblica del mondo, e il trasferimento delle attività della società ad un fondo sovrano che investirà in settori ad alta intensità di capitale, stimolando gli investimenti stranieri nel Paese.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia – Elena Comeli (pag. 37)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]