Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio verso 30$ La guerra dei prezzi infuria anche in mare
13/03/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il mercato del petrolio è letteralmente travolto dagli sviluppi delle ultime ore. Il Brent ha subito ribassi vicini al 10% nella seduta di ieri, scendendo sotto 33 dollari al barile, il Wti è arrivato a scambiare a 30$. A mandare a picco le quotazioni non è soltanto il panico generalizzato, ma anche l’ennesima mazzata alla domanda petrolifera, assestata dagli Usa con la sospensione di tutti i collegamenti aerei con l’Europa. E c’è la guerra dei prezzi ingaggiata da Arabia Saudita e Russia, che ora viene combattuta anche per mare, con strategie che accentuano le pressioni ribassiste sul greggio. Intanto l’Opec Plus avrebbe cancellato una riunione tecnica che avrebbe dovuto svolgersi il 18 marzo. I sauditi, dopo lo strappo con la Russia, hanno rifiutato di partecipare. Sul mercato del petrolio Riad sta ormai sfidando apertamente l’ex alleato: le forniture extra previste per aprile sono state offerte soprattutto a clienti europei e asiatici, nelle aree che di solito importano molto dalla Russia. In Europa, dove sarebbe stata contattata anche Eni, si dice che i sauditi abbiano triplicato le vendite. Sul mercato fisico i prezzi delle principali qualità di greggio russo sono già crollati sotto i colpi della concorrenza saudita.  

Fonte:Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]