Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio Usa in ripresa dopo Harvey: benzina giù
05/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’industria petrolifera americana sta già voltando pagina dopo il passaggio di Harvey. L’uragano ha avuto un impatto devastante, provocando 50 vittime e danni economici per decine di miliardi di dollari, ma porti oleodotti e raffineria hanno cominciato a rientrare in attività, con un ritmo superiore alle aspettative e l’allarme sul mercato si è spento: le quotazioni delle benzina al Nymex hanno registrato ribassi superiori al 5% nella seduta di ieri, riportandosi ai livelli del 25 agosto, il giorno in cui Harvey si è abbattuto sulla terraferma in Texas, ossia sotto 1,70 dollari al gallone. La settimana scorsa – quando mancava all’appello un quinto della capacità di raffinazione Usa – si erano impennate di oltre il 20% spingendosi fino a 2,17$ un record da due anni. Il completo recupero potrebbe richiedere tempo, ma diversi impianti stanno riavviando la produzione, compresa la seconda raffineria del Paese, quella di ExxonMobil a Baytown, da 560.500 barili al giorno. Anche la Colonial Pipeline, in grado di trasportare oltre 3 miliardi di barili al giorno di carburanti verso la East Coast, ieri ha ripreso parzialmente a funzionare. Lo stesso vale per la Explorer Pipeline. E 25 porti texani su 28 hanno riaperto i battenti, sia pure con limitazioni al passaggio delle navi. In ripresa anche le estrazioni di greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]