Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’uragano Harvey punta il Texas e spaventa i mercati
26/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

Dopo lo scivolone della vigilia, i prezzi del petrolio ieri hanno tentato il rimbalzo sulla scia del rafforzamento dell’uragano Harvey che sta puntando sul Texas, lo Stato americano che rappresenta l'epicentro del settore petrolifero della nazione americana. Immediata la reazione dei mercati con il Brent che in mattinata è salito fino a 52,68 dollari al barile per poi ridimensionarsi e oscillare attorno ai 52,30 dollari, contro i 52,04 dollari di giovedì. Andamento simile per il nordamericano Wti (West Texas Intermediated) salito fino sfiorare i 48 dollari per poi assestarsi attorno a 47,70 dollari, poco più di mezzo punto percentuale in più sulla seduta precedente. Come detto, ieri a catalizzare l’attenzione sui mercati del greggio (e non solo) è l’uragano Harvey, che sta avanzando con una velocità di 170 chilometri orari, e che potrebbe causare danni anche alle tante infrastrutture petrolifere. Harvey - che oggi dovrebbe raggiungere Corpus Christi e Houston – infatti rischia di diventare il più forte uragano a colpire il suolo americano da quasi dodici anni (ossia dai tempi di «Wilma» in Florida) e di mandare in tilt il comparto energetico nel Golfo del Messico, dove viene generato il 17% circa della produzione petrolifera nazionale, pari a 9,5 milioni di barili al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – B. Ce. (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]