Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio torna a correre grazie a Opec e scorte Usa
20/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio ha ritrovato smalto, balzando di circa il 3% nel caso del Wti, ai massimi da 15 mesi: 51,93 dollari al barile. Il Brent si è invece spinto fino a 53,14 dollari. A far correre le quotazioni è stata soprattutto la nuova, imprevista diminuzione delle scorte negli Stati Uniti, complessivamente tornate ai livelli di giugno. Ha colpito in particolare l’ulteriore discesa degli stock di greggio (-5,2 milioni di barili), legata in parte al calo delle importazioni, ma comunque insolita per la stagione, a maggior ragione perché le raffinerie stanno lavorando solo all’85% della capacità, il passo più ridotto da aprile 2013. Nel fine settimana ci sarà un incontro bilaterale tra Arabia Saudita e Russia, in cui i due ministri dell’Energia Khalid Al Falih e Alexander Novak discuteranno, secondo quest’ultimo, il coordinamento di azioni sul mercato petrolifero. Ma a dominare la scena ieri è stato Al Falih, sul palco della conferenza londinese Oil & Money, dalla quale ha assicurato: “Siamo ormai alla fine di un considerevole ciclo negativo”. Al Falih ha anche teso una mano allo shale oil. “Siamo contenti che col barile a 50 dollari le trivelle stiano tornando in funzione. In fin dei conti vogliamo che il petrolio non convenzionale contribuisca a far crescere la domanda e a compensare il declino dell’offerta”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]