Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio torna a correre grazie a Opec e scorte Usa
20/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il petrolio ha ritrovato smalto, balzando di circa il 3% nel caso del Wti, ai massimi da 15 mesi: 51,93 dollari al barile. Il Brent si è invece spinto fino a 53,14 dollari. A far correre le quotazioni è stata soprattutto la nuova, imprevista diminuzione delle scorte negli Stati Uniti, complessivamente tornate ai livelli di giugno. Ha colpito in particolare l’ulteriore discesa degli stock di greggio (-5,2 milioni di barili), legata in parte al calo delle importazioni, ma comunque insolita per la stagione, a maggior ragione perché le raffinerie stanno lavorando solo all’85% della capacità, il passo più ridotto da aprile 2013. Nel fine settimana ci sarà un incontro bilaterale tra Arabia Saudita e Russia, in cui i due ministri dell’Energia Khalid Al Falih e Alexander Novak discuteranno, secondo quest’ultimo, il coordinamento di azioni sul mercato petrolifero. Ma a dominare la scena ieri è stato Al Falih, sul palco della conferenza londinese Oil & Money, dalla quale ha assicurato: “Siamo ormai alla fine di un considerevole ciclo negativo”. Al Falih ha anche teso una mano allo shale oil. “Siamo contenti che col barile a 50 dollari le trivelle stiano tornando in funzione. In fin dei conti vogliamo che il petrolio non convenzionale contribuisca a far crescere la domanda e a compensare il declino dell’offerta”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]