Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in tensione: riemerge l’allarme sul Venezuela
08/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Iran e Venezuela dominano le preoccupazioni sui mercati petroliferi, spingendo momentaneamente il prezzo del barile a nuovi record. Anche il Wti ha sfondato la soglia psicologica dei 70 dollari per poi arretrare; il Brent si è spinto oltre quota 76$, livelli che non si vedevano da novembre 2014. Sabato il presidente americano Donald Trump deciderà se ripristinare le sanzioni contro la Repubblica islamica, mentre lunedì gli Stati Uniti annunceranno nuove misure contro Caracas. Non è chiaro se nel mirino di Washington ci sia l’industria petrolifera venezuelana. Questa tuttavia è già al collasso. La produzione di greggio del Venezuela, travolto da una gravissima crisi economica e umanitaria, è oggi ridotta ad appena 1,5 milioni di barili al giorno. Dal 2015 il calo è stato di circa 1mbg: secondo molti analisti ben più di quanto si perderebbe con il ritorno delle sanzioni americane contro l’Iran. L’Union europea questa volta non dovrebbe infatti accodarsi agli Usa nel prendere misure contro Teheran. D’altra parte Washington, per costringere il resto del mondo a collaborare, potrebbe anche imporre sanzioni extra-territoriali, come ha fatto di recente nel caso della russa Rusal. In alternativa potrebbe complicare le transazioni finanziarie con Teheran, al punto da scoraggiare anche gli europei.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]