Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, i tagli non bastano e i prezzi calano
04/05/2017 - Pubblicato in news internazionali

Nel novembre scorso i prezzi del greggio viaggiavano attorno ai 44 dollari/barile. È necessario un compromesso tra i paese produttori per evitare di toccare al ribasso di nuovo quei livelli. Ad oggi i tagli previsti sono stati rispettati sia dai paesi Opec sia dai non-Opec: non più di 32,5 milioni di barili/giorno. Però il Brent è tornato verso i 51 dollari e il greggio americano attorno ai 48 dollari. Il prossimo 25 maggio ci sarà una nuova riunione dell’Opec; argomenti all’ordine del giorno: il rallentamento della domanda, la crescita delle rinnovabili, il fenomeno dell’auto elettrica. Il nuovo obiettivo diventa quello di creare un eccesso di domanda.

Fonte: La Repubblica, Economia – Luca Pagni (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, accordo con Rina sull'idrogeno

Snam e Rina, primario player globale attivo nel campo dei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, hanno sottoscritto un memorandum of understanding per avviare una collaborazione nel settore dell'idrogeno
[leggi tutto…]

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]