Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, gli stoccaggi ora non fanno più paura
13/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Le scorte di petrolio hanno smesso di fare paura. Il rischio di vedere traboccare i serbatoi, che ad aprile aveva spinto sotto zero le quotazioni del barile, non è giudicato imminente grazie al calo brusco dell’offerta e alla graduale ripresa dei consumi dopo la paralisi da coronavirus. E il mercato riflette il cessato allarme. Non solo il Brent ha riguadagnato quota 30$, ma il supercontango è sparito: le quotazioni a sei mesi restano più care di quelle a pronti, ma il premi oggi è inferiore a 5$. Segno che gli spazi di stoccaggio non sono più ricercati e costosi come fino a poco tempo fa. La spinta decisiva per riavviare l’umore degli investitori l’ha data l’Arabia Saudita, che lunedì si è impegnata a un taglio supplementare di 1 milione di barili al giorno, seguita a ruota da Emirati arabi e Kuwait, che insieme si accolleranno un extra di 180mila bg. Ma la produzione crolla un po' ovunque, dentro e fuori l’Opec Plus. E il surplus si riduce in modo visibile: Kayrros rileva che le scorte globali di greggio sono aumentate di 4mbg bella settimana al 3 maggio, un ritmo più che dimezzato rispetto al record di 10mbg raggiunto ad aprile.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]