Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio stenta a recuperare quota dopo il vertice Opec
27/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il mercato non ha digerito bene l’accordo Opec-non Opec per proseguire i tagli della produzione di petrolio e, dopo il crollo del 5% di giovedì, le quotazioni del barile hanno faticato a riprendersi. La coalizione dei produttori potrebbe aver commesso un errore di forma e non di sostanza, ossia quello di aver comunicato troppo presto e in modo sbagliato i suoi piani. La maggior parte degli analisti è d’altra parte convinta che le decisioni prese dall’Opec e dai suoi alleati vadano nella direzione desiderata: lo smaltimento delle scorte di greggio verrà davvero accelerato, tanto da normalizzarle «entro fine anno o al massimo a inizio 2018». L’obiettivo, secondo Goldman Sachs, sarà raggiunto. In realtà la proroga di nove mesi dei tagli produttivi è stata una sorpresa positiva visto che l’intesa originaria prevedeva l’opzione per un rinnovo di soli sei mesi. Ma «è stata venduta troppo presto al mercato», come fa notare Amrita Sen di Energy Aspects: Arabia Saudita e Russia non hanno aspettato il vertice, venendo allo scoperto quasi dieci giorni prima.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]