Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa «Petrolio di Stato», le riserve italiane salgono a 10 giorni
07/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Le scorte del «petrolio di Stato» hanno raggiunto i 10 giorni, ovvero oltre 1 milione di tonnellate di prodotti petroliferi. L’Organismo centrale di stoccaggio italiano (Ocsit), braccio operativo dell’Acquirente Unico nel campo petrolifero, ha siglato un contratto di finanziamento da 400 milioni aggiudicato tramite gara: 100 milioni assicurati da Ubi e gli altri da un pool composto da Intesa Sanpaolo (capofila), Bnl e Cdp. Il nuovo finanziamento consentirà di proseguire nello stoccaggio dei prodotti petroliferi (gasolio, benzina, jet fuel e olio combustibile), secondo quanto stabilito dalla Ue per garantire la sicurezza energetica in caso di crisi. L’Italia è un importatore netto di greggio e ora le scorte sono costituite dall’Acquirente Unico, società controllata dal Tesoro. «I tassi ottenuti tramite gara — ha spiegato il presidente e ceo di Acquirente Unico, Andrea Peruzy — renderanno possibile anche in Italia una migliore gestione economico-finanziaria delle scorte».

Fonte: Corriere della Sera – Fr. Bas. (pag. 49)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, nasce il forum del Mediterraneo orientale

A breve sarà creato l’East Mediterranean Gas Forum (Emgf), iniziativa per “monetizzare le riserve di gas del Mediterraneo orientale”
[leggi tutto…]

La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente

Eni si ritrova insediata a pieno titolo negli Emirati (ad Abu Dhabi e a Sharja), in Bahrain e in Oman
[leggi tutto…]

Tap, chiuso project financing da 3,9 mld €

Tap ha completato un project financing da 3,9 miliardi di euro, erogato da un gruppo di 17 banche commerciali insieme alla Banca europea per gli investimenti e alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo
[leggi tutto…]