Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Col petrolio sopra 70 $ Eni può aumentare la cedola
11/05/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Salgono a 22 miliardi di euro le spese che Eni prevede in quattro anni in Italia, e queste comprendono gli investimenti pari a 7 mln. Rispetto al periodo 2014-2017, nel corso del quale erano stati 20 miliardi, l’obiettivo 2018-2021 cresce di 2 mld. L’aggiornamento è stato fornito dall’ad Descalzi all’assemblea degli azionisti, che ha dato via libera al bilancio 2017, chiuso con un utile netto di 3,427 mld, e al dividendo pari a 0,80 euro ad azione. Il saldo della cedola andrà in pagamento il 23 maggio. Complessivamente gli azionisti Cdp e Tesoro incasseranno 875 milioni: circa 749 per la Cassa e gli altri 126 mln circa per il ministero dell’economia. A beneficiare dell’incremento di spesa è il comparto sicurezza e ambiente e green business, che passa dal 21 al 24% della torta, pari a 5,28 miliardi. Il 25% è destinato al refining & marketing. Nel green, il gruppo punta a soluzioni sostenibili e innovative attraverso la valorizzazione degli asset esistenti. “Col nuovo piano Eni ha un impegno di crescita organica sulle rinnovabili superiore alle altre compagnie” ha detto l’ad Descalzi.

Fonte: ItaliaOggi – red. (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]