Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio tra segnali ribassisti e ottimismo delle banche Usa
03/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il rally del petrolio appare sempre più fragile. Gli hedge funds nonostante un’esposizione lunga da record, continuano imperterriti ad accumulare posizioni in acquisto. Il caso più clamoroso è quello di Goldman Sachs che ha appena alzato di un terzo la previsione a sei mesi sul prezzo del Brent, portandola a 82,50 dollari al barile, il 20% in più rispetto ai livelli attuali. Poche settimane anche BofAMerrill Lyinch aveva alzato al stima sul prezzo 2018 argomentando che dopo anni di surplus quest’anno potrebbero mancare all’appello 430 mila barili al giorno. Morgan Stanley, che vede il brent a 75$ nel terzo trimestre, ritiene che un forte deficit di offerta manterrà il greggio in backwardation, alimentando gli acquisti speculativi. Flussi finanziari molto più ampi del mercato fisico. Il petrolio finora ha resistito bene, ma ci sono stati già diversi segnali potenzialmente in grado di innescare una fase  di liquidazioni, dai record dello shale oil all’improvvisa risalita delle scorte di greggio negli Usa.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]