Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio tra segnali ribassisti e ottimismo delle banche Usa
03/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il rally del petrolio appare sempre più fragile. Gli hedge funds nonostante un’esposizione lunga da record, continuano imperterriti ad accumulare posizioni in acquisto. Il caso più clamoroso è quello di Goldman Sachs che ha appena alzato di un terzo la previsione a sei mesi sul prezzo del Brent, portandola a 82,50 dollari al barile, il 20% in più rispetto ai livelli attuali. Poche settimane anche BofAMerrill Lyinch aveva alzato al stima sul prezzo 2018 argomentando che dopo anni di surplus quest’anno potrebbero mancare all’appello 430 mila barili al giorno. Morgan Stanley, che vede il brent a 75$ nel terzo trimestre, ritiene che un forte deficit di offerta manterrà il greggio in backwardation, alimentando gli acquisti speculativi. Flussi finanziari molto più ampi del mercato fisico. Il petrolio finora ha resistito bene, ma ci sono stati già diversi segnali potenzialmente in grado di innescare una fase  di liquidazioni, dai record dello shale oil all’improvvisa risalita delle scorte di greggio negli Usa.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, prezzi in altalena e consumi in calo nelle grandi economie

Il petrolio è ancora al centro di attenzione sui mercati
[leggi tutto…]

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]