Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, scorte in calo grazie ai “tagli”
14/12/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Il patto Opec-non Opec per tagliare la produzione di petrolio potrebbe ridurre le scorte al ritmo di 600mila barili al giorno nei prossimi sei mesi. La previsione è dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), che sottolinea però che per raggiungere l’obiettivo sarà necessaria un’adesione «pronta e piena» alle nuove quote produttive. «Le prime settimane saranno chiaramente cruciali per determinare se i tagli vengono implementati e se il recente rialzo del prezzo del petrolio durerà». Il Brent, che dopo il vertice del 30 novembre ha guadagnato oltre il 15%, si è mantenuto anche ieri sopra 55 dollari al barile. Qualche segnale di riequilibrio tra domanda e offerta si osserva già sui mercati petroliferi: le scorte di greggio e prodotti raffinati nei paesi Ocse, evidenzia l’Aie, si sono ridotte per il terzo mese consecutivo in ottobre, cosa che non succedeva dal 2011, anche se superano tuttora di 300 milioni di barili la media degli ultimi 5 anni.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Red. (pag. 40)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]