Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la ripresa dei consumi traina nuovi investimenti
13/05/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Viene dall’Azerbaigian la quota maggiore della benzina e del gasolio che bruciamo nei nostri motori. Nei primi tre mesi di quest’anno quasi un quinto del petrolio importato dall’Italia viene dall’Azerbaigian, con il 19% delle importazioni e 2,9 milioni di tonnellate (+14%). Nella graduatoria dei fornitori seguono l’Iraq e l’Iran. Lo osserva L’Unione Petrolifera, la quale ha rilevato che sui carburanti l’Italia ha il gasolio più tassato e il più salato d’Europa. Ma gli italiani aumentano i consumi di metano e di greggio proprio mentre la Regione Emilia Romagna, con un cambio di strategia sulla sua storica voglia di attrarre investimenti, frena sui giacimenti a chilometro zero che si nascondono nel sottosuolo emiliano. Dai giacimenti iracheni fra gennaio e marzo l’Italia ha acquistato 2 milioni di tonnellate, dall’Iran 1,88 milioni e dall’Arabia 1,82 milioni di tonnellate. Nei primi tre mesi dell’anno l’Italia ha acquistato 15,4 milioni di tonnellate di petrolio mentre i consumi sono stati pari a 13,9 milioni di tonnellate (+0,6%). Il ministero dell’ambiente ha dato nelle ultime settimane il via libera ambientale a diversi progetti su giacimenti. Alla compagnia emiliana indipendente Gas Plus è stato dato il via libera nell’entroterra di Ancona con l’attivazione di un pozzo di metano a Santa Maria Nuova. Nel canale di Sicilia la Northern Petroleum ha appena conseguito un parere ambientale positivo nella perforazione del pozzo Vesta. La Stogit (Snam) a Vasto ha conseguito una verifica positiva di ottemperanza per una delle prescrizione sullo stoccaggio di metano da realizzare nel vecchio giacimento di Fiume Treste.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa&Terriori – Jacopo Giliberto (pag.  8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]