Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio rimbalza, Brent oltre 48$
13/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

 

Il petrolio si è preso una rivincita ieri chiudendo la seduta con un rialzo superiore al 4% dopo essere scivolato ai minimi negli ultimi due mesi: il Brent è tornato a 48,47 dollari. Ma le nubi all’orizzonte non sono scomparse ed anzi, tra gli operatori, regna l’idea che la domanda petrolifera stia rallentando la corsa mentre la produzione – per non parlare delle scorte tuttora immense – non cala abbastanza in fretta da rassicurare su un prossimo riequilibrio del mercato. Tra i fattori che hanno preso il sopravvento ieri, molti sono di tipo tecnico. Ad esempio l’allarme geopolitico che si è sollevato sulla disputa territoriale del mare cinese del Sud e con il verdetto dell’Aia che ha dato ragione alle Filippine ma che la Cina ha contestato. L’area è cruciale per i trasporti marittimi e i costi potrebbero pertanto salire in caso di escalation della tensione nella zona. Intanto L’Arabia Saudita ha comunicato all’Opec di aver aumentato la produzione a 10,6 milioni di barili al gg in giugno, barili extra che verosimilmente serviranno a fronteggiare i consumi delle centrali elettriche locali che con il caldo estivo si impennano.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 3)

 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]