Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio è ridiventato caro
26/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ritrova lo smalto del passato. Il prezzo del Brent è ai picchi da novembre 2014, intorno ai 75 dollari al barile. Ben lontano dai 27 dollari toccati a inizio 2016. L’aumento della domanda di greggio non è mai stata così forte in valore assoluto. Trainata dalla ripresa economica mondiale, la domanda potrebbe raggiungere, entro la fine dell’anno, la soglia storica e simbolica dei 100 milioni di barili al giorno. Secondo l’ultimo rapporto mensile dell’Opec, le riserve di greggio nei paesi sviluppati sono diminuite di 17,4 milioni di barili  a febbraio , per calare a 2,8 miliardi. Oltre alla crescita economica, il calo degli stock e ampiamente dovuto alla decisione presa, a partire dal 2016, dall’Opec e dagli altri paesi produttori, in particolare la Russia, di limitare la produzione di oro nero per sostenere i prezzi. Una scelta rafforzata dal crollo drammatico della produzione in Venezuela.

Fonte: ItaliaOggi – Andra Brenta (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Nord Stream, gli Usa estendono le sanzioni

Il dipartimento di Stato Usa ha esteso martedì il raggio delle sanzioni americane al progetto di gasdotto Nord Stream II
[leggi tutto…]

Idrogeno, Patuanelli punta sul tubo

A parte il colore , uno dei punti di frizione sulla questione degli incentivi per lo sviluppo dell'idrogeno è quella del trasporto
[leggi tutto…]

Gas, col rally dei prezzi olandesi l'Italia esporta (poco: 6 mln mc)

Con la corsa delle quotazioni del gas al Ttf olandese, che come già visto hanno superato in ottobre quelle italiane per diversi giorni, si sono visti anche piccoli quantitativi di gas esportati dall'Italia in direzione del Nord Europa
[leggi tutto…]