Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio è ridiventato caro
26/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ritrova lo smalto del passato. Il prezzo del Brent è ai picchi da novembre 2014, intorno ai 75 dollari al barile. Ben lontano dai 27 dollari toccati a inizio 2016. L’aumento della domanda di greggio non è mai stata così forte in valore assoluto. Trainata dalla ripresa economica mondiale, la domanda potrebbe raggiungere, entro la fine dell’anno, la soglia storica e simbolica dei 100 milioni di barili al giorno. Secondo l’ultimo rapporto mensile dell’Opec, le riserve di greggio nei paesi sviluppati sono diminuite di 17,4 milioni di barili  a febbraio , per calare a 2,8 miliardi. Oltre alla crescita economica, il calo degli stock e ampiamente dovuto alla decisione presa, a partire dal 2016, dall’Opec e dagli altri paesi produttori, in particolare la Russia, di limitare la produzione di oro nero per sostenere i prezzi. Una scelta rafforzata dal crollo drammatico della produzione in Venezuela.

Fonte: ItaliaOggi – Andra Brenta (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]