Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa E il petrolio raggiunge i massimi da tre anni
05/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Ieri il petrolio Wti ha superato quota 62 dollari al barile, toccando i 62,12 dollari, il massimo da tre anni, per poi ritracciare leggermente. Sono stati essenzialmente due fattori alla base del rialzo. Il primo è legato alle dimostrazioni in Iran, appena sopite, che hanno spinto il presidente americano Donald Trump a minacciare un inasprimento delle sanzioni, il che comporterebbe una riduzione delle forniture provenienti dal Paese mediorientale. A questo è legato anche il montare delle tensioni tra Iran e Arabia Saudita, entrambi Paesi membri dell’Opec. Il secondo fattore è l’ondata di freddo che si è abbattuto sugli Stati Uniti, che ha molto aumentato i consumi di combustibile e quindi di greggio. Diretta conseguenza di ciò è che le scorte di greggio sono calate molto più di quanto prevedessero gli economisti del consensus.

Fonte: MF – Manuel Costa (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]