Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio pronto per un nuovo rally speculativo
29/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli hedge funds, troppo fiduciosi dell’Opec hanno ora bisogno di un segnale forte per tornare a scommettere sul petrolio. Le quotazioni del barile, in ribasso di oltre il 20% nel primo semestre, potrebbero ricominciare a correre. Si attende un rally improvviso ed intenso nei prossimi giorni che potrebbe scaturire in un ciclo di coperture da parte dei fondi. Sul Brent, i fondi hanno accumulato un numero record di posizioni ‘corte’, raggiungendo l’equivalente di 169 milioni di barili, il massimo da quando nel 2011 è iniziata la pubblicazione dei dati. Considerando tutto il comparto del petrolio, i ‘corti’ ammontano a 480 milioni di barili. Anche se il mercato fisico del greggio è stabile, è opportuno notare che adesso c’è una possibilità che si sviluppi un supporto speculativo ai prezzi. Il petrolio si apprezzato per cinque sedute consecutive, recuperando circa il 7% dal 21 giugno, quando il Brent era crollato a 44,35 $, minimo da 7 mesi, e il Wti a 42,05 $, minimo da dieci mesi. Il greggio de mare del Nord ha chiuso ieri a 47,31 $, il benchmark americano a 44,74$.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]