Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, produzione Usa ai massimi da agosto 2015
20/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

Su tre barili di petrolio che l’Opec riesce a togliere dal mercato, uno viene “restituito” dagli Stati Uniti: la produzione americana di greggio è aumentata di ben 482mila barili al giorno dall’inizio dell’anno, quando è entrato in vigore il piano di tagli dell’Organizzazione, e la settimana scorsa ha raggiunto 9,252 milioni di bg, il massimo da agosto 2015. Il dato, riferito dall’Energy Information Administration (Eia), è solo l’ennesima conferma di una tendenza già evidente: da mesi gli operatori dello shale oil stanno riattivando impianti di perforazione. Ma ieri ha contribuito ad accelerare il ritmo delle vendite sui mercati petroliferi, spingendo le quotazioni del greggio in ribasso del 4%, ai minimi da due settimane (il Wti ha chiuso a 50,44 $/barile, il Brent a 52,93 $).

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]