Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il prezzo in ribasso non mette ansia ai mercati
03/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Per tutto il 2016 il petrolio sembrava aver trovato la forza per risollevare le proprie quotazioni, ponendo così fine a una crisi che dura ormai da tre anni, ma nel secondo trimestre del 2017 il rialzo si è sgonfiato. Dopo aver a lungo cercato di mantenersi sopra i 55 dollari al barile, il greggio è sceso di nuovo a quota 42 dollari dimostrando che i presupposti per una crescita stabile ancora non ci sono. Nonostante il calo, le principali borse non sembrano averne risentito. Secondo gli economisti il calo non è più un segnale di frenata della congiuntura. Questo però non significa che il ribasso non abbia mietuto vittime: la principale rimane l’Opec, che ad oggi non è in grado di gestire il prezzo del greggio, tra disaccordi interni e produttori statunitensi di shale oil che hanno mostrato grande capacità di sopravvivenza.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Marco Frojo (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

CO2, il balzo dei prezzi dei permessi di emissione nel 2019

Nel 2019 bastava un prezzo della CO2 di meno di 12 euro la tonnellata per rendere più conveniente la generazione a gas rispetto a quella a carbone. Nel 2019 il “prezzo” della CO2 (dei permessi Ets) è stato molto più alto,
[leggi tutto…]

Di Maio e tariffe gas Austria, interrogazione di Leu e +Europa a Conte

È urgente e fondamentale capire esattamente quale sia la posizione che il Governo italiano intende assumere rispetto al tema costi di importazione del gas naturale da altri paesi dell'Unione europea
[leggi tutto…]

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]