Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il prezzo in ribasso non mette ansia ai mercati
03/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Per tutto il 2016 il petrolio sembrava aver trovato la forza per risollevare le proprie quotazioni, ponendo così fine a una crisi che dura ormai da tre anni, ma nel secondo trimestre del 2017 il rialzo si è sgonfiato. Dopo aver a lungo cercato di mantenersi sopra i 55 dollari al barile, il greggio è sceso di nuovo a quota 42 dollari dimostrando che i presupposti per una crescita stabile ancora non ci sono. Nonostante il calo, le principali borse non sembrano averne risentito. Secondo gli economisti il calo non è più un segnale di frenata della congiuntura. Questo però non significa che il ribasso non abbia mietuto vittime: la principale rimane l’Opec, che ad oggi non è in grado di gestire il prezzo del greggio, tra disaccordi interni e produttori statunitensi di shale oil che hanno mostrato grande capacità di sopravvivenza.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Marco Frojo (pag. 35)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, col rally dei prezzi olandesi l'Italia esporta (poco: 6 mln mc)

Con la corsa delle quotazioni del gas al Ttf olandese, che come già visto hanno superato in ottobre quelle italiane per diversi giorni, si sono visti anche piccoli quantitativi di gas esportati dall'Italia in direzione del Nord Europa
[leggi tutto…]

Aggiornamento legislativo 10-16 ottobre 2020

Monitoraggio legislativo
[leggi tutto…]

La Russia rilancia la proposta di una Opec del gas

Un’Opec anche per il gas, che consente ai grandi produttori di coordinarsi per tagliare l’offerta e sostenere i prezzi.
[leggi tutto…]