Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in picchiata sotto 50 dollari
10/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Un’ondata di vendite di queste proporzioni non si vedeva da febbraio dell’anno scorso, l’epoca in cui il petrolio stava andando in picchiata verso i minimi da 13 anni, sotto 30 dollari al barile. Ieri le quotazioni del barile hanno perso circa il 2% dopo essere scivolate di oltre il 5% mercoledì. E per la prima volta nel 2017 il Wti ha ripiegato sotto la soglia psicologica di 50 dollari, per chiudere a 49,28$. Non è solo il petrolio ad aver invertito la rotta, trascinando con sé i titoli del settore. Anche l’oro è ai minimi da oltre un mese, sempre più vicino a scendere sotto 1200 dollari l’oncia. Grazie alla decisione dell’Opec di tagliare la produzione il petrolio ha guadagnato oltre il 10%. Ma dopo l’iniziale entusiasmo il mercato si era appiattito: la volatilità, linfa della speculazione, era quasi del tutto scomparsa e i prezzi sembravano intrappolati in una fascia di oscillazione ristretta, tra 53 e 55 dollari nel caso del Brent. Nel frattempo hanno cominciato a crescere i dubbi sull’efficacia dell’azione dell’Opec: i Paesi dell’Organizzazione stanno dimostrando una rara diligenza nel ridurre la produzione secondo gli obiettivi e la collaborazione degli alleati non Opec, benché imperfetta, è comunque discreta. Eppure le scorte petrolifere – almeno quelle degli Usa, su cui ci sono dati puntuali e visibili – continuano ad aumentare. E sono bastati 50 dollari al barile per far ripartire in quarta lo shale oil, tanto che la produzione di greggio americana è già tornata a superare 9 milioni di barili al giorno, il massimo da un anno.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]