Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, ora c’è chi teme che l’offerta non basterà
28/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

La convinzione che il prezzo del petrolio possa restare basso più a lungo – se non addirittura per sempre – ha già iniziato a dissiparsi. È bastato che il Brent tornasse a sfiorare la soglia dei 60 dollari perché due voci autorevoli si staccassero dal coro: il mercato potrebbe sperimentare carenze di offerta dal 2019, avverte Trafigura, una delle maggiori società indipendenti di trading petrolifero, mentre Citigroup anticipa il rischio addirittura al 2018. All’origine di tutto potrebbe esserci l’Opec; il mercato teme che la sua produzione possa aumentare moltissimo, invece potrebbe esserci un gap di offerta poichè le estrazioni in cinque Paesi dell’Organizzazione (Libia, Nigeria, Venezuela, Iraq e Iran) sono arrivate a un picco e non hanno la possibilità di fare di più. Per Ben Luckok, co-head Group Market Risks di Trafigura, il declino dei giacimenti potrebbe farci perdere fino a 9 milioni di barili al giorno di greggio entro il 2019.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

0,5 milioni di barili al giorno: è il deficit di offerta di petrolio stimato dall’Aie per il secondo trimestre del 2019

Il mondo si potrebbe trovare senza petrolio.
[leggi tutto…]

L’Italia, tagliata fuori dalle rotte del gas, perde la partita

L’Italia sembra aver già perso l’opportunità di diventare hub del gas.
[leggi tutto…]

Italia-Cina, domani intese per Eni e Snam

"Con Bank of China sarà firmato nella giornata di sabato 23 marzo, un Memorandum of Understanding che rafforza la collaborazione su vari strumenti finanziari tra Eni e Bank of China".
[leggi tutto…]