Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio: l’Opec temporeggia ancora sui tagli e i prezzi tornano giù
22/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il greggio ha chiuso la settimana intorno a 46 dollari al barile. Gli operatori non hanno nessuna intenzione di farsi “abbindolare” dall’Opec che finora ha parlato tanto, ma agito poco. Secondo la prima valutazione del mercato dopo l’accordo di Vienna, ha mostrato che il livello di produzione mondiale è ancora sopra il limite prefissato. Nel dettaglio, nel mese di giugno, la produzione si è attestata a 32,6 milioni di barili al giorno rispetto ai 32,2 milioni barili giornalieri. I commodities trader stanno dunque tornando scettici rispetto all’efficacia dell’azione congiunta per ridurre l’accesso di offerta globale. Se la produzione di greggio dovesse rimanere agli attuali livelli probabilmente si andrebbe a erodere il surplus globale di 70 milioni di barili ma sarebbe comunque un obiettivo ben lontano rispetto al totale riassorbimento dell’eccedenza, che il cartello aveva previsto e prospettato al mercato.

Fonte: Milano Finanza – Red (pag. 58)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]