Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, Opec scettica sui tagli di produzione promessi dagli alleati
15/12/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Sul taglio della produzione di petrolio l’Opec non si fida fino in fondo delle promesse della Russia e degli altri dieci paesi esterni al gruppo che hanno promesso un contributo. Nel primo rapporto di previsione pubblicato dopo gli accordi di Vienna, l’Organizzazione degli esportatori di greggio continua ad aspettarsi estrazioni in aumento nel 2017 sia da parte di Mosca, la sua principale alleata, che del Kazakhstan. E avverte che i tagli di cui si è direttamente presa carico «non saranno sufficienti da soli ad eliminare del tutto l’eccesso di scorte». La conclusione suona come un appello alla lealtà: «Questo chiaramente enfatizza l’importanza del contributo dei produttori non Opec all’aggiustamento a supporto del ribilanciamento del mercato». Rispetto alla media degli ultimi 5 anni, ragionano gli economisti dell’Opec, ci sono 300 milioni di barili di scorte di troppo. Per toglierli di mezzo sarebbe necessario creare un deficit di offerta di 800mila barili al giorno, ma i soli tagli Opec - se prorogati per tutto l’anno - farebbero calare le scorte di appena 100mila bg in media nel corso del 2017.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 44)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas: a novembre frenano le centrali, industria ancora in caduta

Consumi di gas italiani in calo a novembre per una flessione a doppia cifra del termoelettrico, la prima riduzione da nove mesi in questo settore di consumo, e un nuovo forte calo dell'industria che hanno compensato la ripresa della domanda per risca
[leggi tutto…]

Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato

Per la prima volta un gasdotto russo punta in direzione opposta all’Europa
[leggi tutto…]

Il Qatar scopre nuove riserve di gas e accelera con il Gnl

Il Qatar scopre nuove risorse di gas nel giacimento più ricco del mondo e rilancia ancora nella corsa per dominare il mercato globale di Gnl:
[leggi tutto…]