Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, Opec e Russia lavorano ad accordi di 10-20 anni sui tagli
28/03/2018 - Pubblicato in news internazionali

Opec e Russia progettano una nuova alleanza che permetta di governare l’offerta di petrolio per decenni, senza bisogno di riscrivere ogni volta da zero gli accordi sui tagli produttivi. Bin Salman delinea il futuro dell’Opec Plus, la coalizione di 24 paesi che da gennaio 2017 sta riducendo in modo concertato le forniture di greggio. L’obiettivo del progetto è quello di costituire un vero e proprio cartello, considerato che i Paesi oggi alleati nei tagli controllano circa metà dell’offerta mondiale di greggio. Trump, durante la propria campagna elettorale, aveva ripetuto più volte che si sarebbe battuto per l’indipendenza energetica dai cartelli petrolio. Grazie allo shale oil gli Usa non dipendono più come un tempo dalle forniture straniere di petrolio.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]

Sussidi dannosi: sul tavolo rimodulazioni di 7 Sad, ma cautela su accise gas

La commissione interministeriale sui sussidi ambientalmente dannosi ha individuato proposte per la rimodulazione di sette Sad
[leggi tutto…]