Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, di nuovo sotto pressione. La volatilità è ai massimi da tre anni
28/12/2018 - Pubblicato in news internazionali

C’è anche il colosso statale cinese Sinopec tra le vittime delle sempre più violente oscillazioni dei prezzi del petrolio. La notizia che il gruppo petrolchimico ha sospeso due dirigenti in seguito a perdite nel trading è emersa ieri, proprio mentre il mercato compiva l’ennesima inversione di rotta: dopo il balzo dell’8,7% a Santo Stefano, il Wti ieri ha di nuovo perso oltre il 3%, chiudendo sotto 45 dollari. Il prezzo del petrolio ormai sembra muoversi in modo irrazionale: l’ampiezza del crollo – quasi il 40% dai record di ottobre, quando il Brent volava sopra 85$ - non è giustificato dai fondamentali, soprattutto alla luce dei tagli produttivi di Opec e Russia, in vigore dalla prossima settimana. Dall’annuncio della decisione Plus il petrolio ha perso il 16%, una reazione che negli ultimi dieci anni non si era mai vista in circostanze analoghe. Il Ministro dell’Energia russo, Alexandr Novak, dà la colpa (anche) agli Stati Uniti: la volatilità, spiega, è figlia delle incertezze create “dalle guerre commerciali e dall’imprevedibilità dell’amministrazione Usa”. È tuttavia probabile che un ruolo importante ce l’abbiano anche gli algoritmi: quelli che guidano molti hedge funds, ma anche quelli che tengono in piedi le operazioni di hedging delle compagnie petrolifere, specie quelle dello shale oil. A suggerire questa chiave di lettura è Phil Verlager, noto analista indipendente, secondo cui tali operazioni effettuate con contratti derivati riguardano ben 500 milioni di barili di greggio al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]