Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Si al petrolio, no al green
12/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato Usa sopra il 2% per la prima volta da gennaio ha imposto venerdì 11 una battuta d’arresto a Wall Street, che il giorno precedente aveva toccato un nuovo record (18.807,88), spinto dall’euforia sulle promesse del programma di Donald Trump, che intende rilanciare l’economia, raddoppiando la crescita del pil al 4%. La prospettiva di un rialzo dei tassi di interesse più veloce delle aspettative, a causa della politica economica espansiva annunciata dal nuovo presidente americano durante la campagna elettorale, ha finito però per alimentare il clima di incertezza, che ha penalizzato soprattutto le azioni e le valute dei mercati emergenti. Le attività minerarie del petrolio e del gas terranno di più grazie all’atteggiamento protezionistico di Trump nei confronti dell’industria pesante statunitense mentre le aziende delle rinnovabili possono risultare danneggiate dalla posizione del presidente sul cambiamento climatico e la mancanza di sostegni nel campo dell’energia pulita.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]