Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio naviga a vista
20/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

Mercoledì a Vienna è in programma un incontro tecnico per uno scambio di vedute a porte chiuse sulla proposta del Venezuela mirata a far risalire il prezzo del petrolio. Un incontro, a cui sono stati invitati anche 8 paesi non Opec, che punterebbe a ridurre il tetto produttivo che oggi supera i 31 milioni di barili/giorno al fine di riportare il prezzo prima a 70 e poi a 100 dollari. Trovare una quadra su una proposta del genere non è tuttavia facile. L'Iraq non vuole saperne di parlare di quote anche perché la sua produzione, nonostante l'Isis, continua a risalire avendo raggiunto in settembre già 4,3 milioni di barili/giorno, l'Iran dal canto suo non fa mistero di voler sfruttare la fine delle sanzioni per tornare a superare quota 4 milioni (oggi è ancora sotto i 3) e quanto all'Arabia Saudita, il più importante paese esportatore continua a viaggiare sopra i 10 milioni nonostante i morsi del basso prezzo del petrolio si stiano facendo sentire anche sulle sue finanze e sul suo sistema economico.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]

La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi.
[leggi tutto…]