Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la monarchia ha sbagliato tutti i conti
05/01/2016 - Pubblicato in news internazionali

La monarchia saudita ha aumentato la produzione per far crollare i prezzi, ma ha prodotto più danni alla propria economia nazionale che all’Iran, notevolmente aiutato in questa fase dalla svolta relativa all’accordo sul nucleare. Tutti i calcoli sauditi si sono dimostrati sbagliati: gli Usa continuano infatti a produrre lo shale oil e lo stesso Iran non crolla ma guadagna addirittura credibilità politica.

Fonte: Il Sole 24 ore, La crisi Iran-Arabia – A.N. (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kashagan verso il record di barili

Il Kazakhstan spinge per un ulteriore aumento della produzione di Kashgan
[leggi tutto…]

Il Mise: la Ue vigili sulle tariffe gas franco-tedesche

Il sottosegretario Davide Crippa, ha inviato una lettera alla Commissione Europea per chiedere “una valutazione urgente sulla coerenza dei regimi tariffare adottati  da Germania  e Francia
[leggi tutto…]

Aramco fa incetta di gas americano

L’Arabia saudita, tra i maggiori esportatori al mondo di petrolio, non disdegna il gas americano
[leggi tutto…]