Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, nel mare del Nord le scorte iniziano a calare
20/08/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il Brent è passato, nel giro di poche settimane, da una condizione di bear market a quella di bull market: nel mare del Nord infatti gli stoccaggi galleggianti - quelli custoditi a bordo di petroliere - hanno iniziato a ridursi. Il fattore risponde anche a fattori contingenti, come ad esempio la chiusura a breve per manutenzione del giacimento di Buzzard, motivo per cui, verosimilmente, i raffinatori si stanno approvvigionando in vista di possibili rincari. Il mercato petrolifero è comunque ancora lontano dall’aver risolto il problema delle immense giacenze accumulate negli ultimi anni e, anche il surplus di offerta, stenta a ridursi. Secondo Amirta Sen di Energy Aspects, la riduzione delle scorte è dovuta in parte alla diminuzione della fornitura della Nigeria e all’aumento della domanda in Asia. La settimana appena conclusa è stata la migliore da aprile, con un rialzo dell’8%.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]