Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio ko, ma Aramco distribuisce 75 miliardi
17/03/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il crollo del petrolio fa soffrire anche Saudi Aramco. Ma il colosso saudita non taglia: né la produzione, né la cedola. Nelle stesse ore in cui il Brent scendeva sotto i 30 dollari al barile, Riad ha confermato che manterrà la promessa di versare agli azionisti privati 75 miliardi di dollari di dividendi nel 2020. Negli ultimi dieci giorni la crisi sul mercato del petrolio, acuita dalla guerra dei prezzi tra Mosca e Riad, è già costata 140 miliardi di capitalizzazione alla compagnia saudita. Le forniture saliranno a 12,3 mbg ad aprile e si manterranno sugli stessi livelli anche a maggio. “Siamo a nostro agio col petrolio a 30 dollari e anche meno e potremo soddisfare le aspettative degli azionisti”, ha assicurato ieri il direttore finanziario di Aramco. Ma intanto la compagnia, a causa del coronavirus, ha ridotto il budget per gli investimenti: da 32,8 miliardi dell’anno scorso a 25-30 miliardi quest’anno. Per mantenere tutte le promesse ci sono probabilmente soltanto due strade: attingere alle casse dello Stato, oppure collocare altro debito sul mercato.  

Fonte: Il Sole 24 Ore - Sissi Bellomo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]