Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, l’Iran apre a trattative con l’Opec ma pone condizioni
07/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Dopo il patto sul petrolio sottoscritto da Arabia Saudita e Russia, la risposta dell’Iran non si è fatta attendere. E anche se come sempre il suo messaggio non è cristallino, oggi sembra esserci meno ambiguità rispetto al passato e forse persino un’apertura alla possibilità di accordi con gli altri produttori, anche se il mercato continua a non fidarsi: il Brent ha chiuso in ribasso dello 0,8% a 47,26 dollari al barile. Da Teheran è arrivato in realtà un mosaico di dichiarazioni, con la tessera principale fornita dal presidente Hassan Rouhani in persona: “l’Iran ha sofferto molto durante le sanzioni” e adesso considera” vitale recuperare la produzione perduta”, ha mandato a dire attraverso un comunicato dell’Opec. Più significative sono tuttavia le parole affidate all’agenzia di stampa statale Irna. “Speriamo che alla luce della prudenza, della cooperazione e del coordinamento tra i membri dell’Opec il mercato del petrolio si stabilizzerà su prezzi equi. Oggi tutti dovrebbero perseguire un singolo scopo e cioè assicurare un mercato in equilibrio e una quota produttiva equa per tutti i membri”.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]