Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, incontro Riad-Mosca sui tagli
27/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

Di fronte al continuo aumento delle scorte petrolifere, l'Arabia Saudita cerca di serrare i ranghi per proseguire i tagli di produzione: entro due settimane il ministro del Petrolio Khalid Al Falih conta di recarsi a Mosca per incontrare il suo omologo russo Alexander Novak e cercare di vincere le sue resistenze. L'ha rivelato lui stesso durante una visita in Azerbaijan, che gli ha guadagnato l'accordo di Baku, altro produttore non Opec, a una proroga dell'intervento. "Sembra che ci sia un consenso ad andare in quella direzione, ma non ci siamo ancora arrivati al 100% - ha dichiarato Al Falih - Abbiamo ancora bisogno di parlare con tutti i Paesi e un Paese molto importante a cui parlare naturalmente è la Russia". Anche Venezuela e Algeria hanno intanto riavviato le trattative diplomatiche per incoraggiare una prosecuzione dei tagli. L'urgenza sta crescendo, di fronte alle statistiche Usa che anche ieri hanno confermato la difficoltà del compito di riequilibrare il mercato. Le scorte di greggio si sono ridotte per la terza settimana secondo l'Eia, di 3,6 milioni di barili. Ma di nuovo sono salite quelle di carburanti: 3,4% mb per le benzine tornate ai livelli (elevati) di un anno fa e 2,7% mb per i distillati.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]