Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sul petrolio incombono le tensioni Usa-Iran
04/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Conseguenza diretta dell’escalation delle tensioni tra Usa e Iran è l’effetto sul prezzo del barile. Il greggio Wti ha chiuso la settimana a 53.83 dollari e il Brent a 56.81: entrambi in rialzo. Lo stretto di Bab al-Mandab, attualmente sorvegliata da una nave della marina Usa, è lo snodo nevralgico per transiti per oltre 3milioni di barili al giorno. Contemporaneamente vediamo i tagli di produzione dell’Opec e la riapertura di compagnie Usa. Negli ultimi 8 mesi il  numero delle trivelle è cresciuto di 250 unità, record dal 2012.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]