Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sul petrolio incombono le tensioni Usa-Iran
04/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Conseguenza diretta dell’escalation delle tensioni tra Usa e Iran è l’effetto sul prezzo del barile. Il greggio Wti ha chiuso la settimana a 53.83 dollari e il Brent a 56.81: entrambi in rialzo. Lo stretto di Bab al-Mandab, attualmente sorvegliata da una nave della marina Usa, è lo snodo nevralgico per transiti per oltre 3milioni di barili al giorno. Contemporaneamente vediamo i tagli di produzione dell’Opec e la riapertura di compagnie Usa. Negli ultimi 8 mesi il  numero delle trivelle è cresciuto di 250 unità, record dal 2012.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]