Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sul petrolio incombono le tensioni Usa-Iran
04/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Conseguenza diretta dell’escalation delle tensioni tra Usa e Iran è l’effetto sul prezzo del barile. Il greggio Wti ha chiuso la settimana a 53.83 dollari e il Brent a 56.81: entrambi in rialzo. Lo stretto di Bab al-Mandab, attualmente sorvegliata da una nave della marina Usa, è lo snodo nevralgico per transiti per oltre 3milioni di barili al giorno. Contemporaneamente vediamo i tagli di produzione dell’Opec e la riapertura di compagnie Usa. Negli ultimi 8 mesi il  numero delle trivelle è cresciuto di 250 unità, record dal 2012.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]

Sanzioni Iran, “gli Stati Uniti non concederanno ulteriori deroghe”

Il rappresentate speciale per l’Iran del Dipartimento di Stato Usa ha annunciato che la Casa Bianca non concederà più alcun tipo di deroga alle sanzioni sui traffici petroliferi della Repubblica Islamica.
[leggi tutto…]

Gas, nasce il forum del Mediterraneo orientale

A breve sarà creato l’East Mediterranean Gas Forum (Emgf), iniziativa per “monetizzare le riserve di gas del Mediterraneo orientale”
[leggi tutto…]