Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, il giorno più buio: il Wti per maggio va sotto zero
21/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Al Nymex è stata una seduta shock. Il petrolio Wti per maggio vale meno di zero: -37,63 dollari. Per la prima volta nella storia un future su una commodity ha perso valore al punto da registrare un prezzo negativo. Il Wti per giugno ha chiuso a 20,43$/barile e il Brent per lo stesso mese vale 26$. Il crollo delle quotazioni del Wti per maggio è un’anomalia legata al rapido declino delle capacità di stoccaggio disponibile negli Usa e una forte presenza sul mercato di investitori finanziari che non possono prendere consegna del greggio alla scadenza del contratto future, fissata per oggi. La situazione sta comunque precipitando. Sono sempre più numerosi, soprattutto in Nord America, gli operatori costretti a tagliare la produzione perché travolti dal collasso dei consumi, dalla difficoltà ad accedere a stoccaggi, dalla chiusura del mercato dei capitali e da prezzi del greggio sempre più bassi, fino a scendere sotto zero. Per il Wti di maggio praticamente non c’erano compratori: nessuno disposto ad entrare in possesso dei barili alla scadenza odierna del future, nemmeno in presenza di un incentivo record ad accumulare scorte.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]