Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio giù, a 70,3 dollari a barile
13/07/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ha chiuso ieri le contrattazioni in rosso dopo il deciso arretramento di circa il 5% registrato nella seduta precedente. Numerosi fattori concorrono a mettere sotto pressione il greggio. Da una parte c’è la riapertura dei principali porti della Libia con il ritorno del Paese sul mercato delle esportazioni dopo un blocco dovuto alla crisi politica e alla dissoluzione dello Stato dell’era post-Gheddafi. Dall’altra parte ancora una volta ci sono da mettere in conto le tensioni commerciali tra gli Usa e la Cina, che minacciano la crescita economica globale e di conseguenza anche le aspettative di lungo periodo sulla domanda globale di greggio. Ma le novità dalla Libia sono considerate decisive perché la riapertura dell’export del Paese potrebbe rimettere sul mercato internazionale 850mila barili di greggio di elevata qualità.

Fonte: Corriere della Sera – red (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]