Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il petrolio e il futuro delle elite mediorientali
20/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Tra il 2014 e il 2016, le entrate dei Paesi mediorientali che esportano petrolio sono scese in media di un po’ più di un terzo – circa il 15% del loro Pil – e le loro partite correnti sono passate da eccedenze a deficit a due cifre. Malgrado un recente piccolo rialzo, dalla maggior parte delle previsioni risulta che i prezzi petroliferi resteranno ai livelli attuali a lungo. Se così accadrà, ciò assesterà un colpo macroeconomico di dimensioni tali da modificare drasticamente tutto il Medio Oriente. La maggior parte dei Paesi produttori di petrolio ha già iniziato a tagliare le spese, contrarre prestiti e utilizzare le proprie riserve. Il basso prezzo del petrolio avrà pesanti conseguenze per Algeria, Bahrein, Iraq, Iran, Oman, e così pure per Libia e Yemen già lacerati dalle guerre. In definitiva, però, il destino economico di ciascuno di questi Paesi dipenderà dalle scelte che essi effettueranno oggi. I produttori di petrolio possono fare due cose: tagliare i consumi o mantenerli come sono, ottimizzando la loro produttività. Ogni produttore preferirebbe la seconda alternativa, ed è per questo che i governi della regione stanno diversificando le loro economie.

Fonte: Il Sole 24Ore – Ishac Diwan (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]