Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in forte ribasso sulla crescita dell’offerta in Libia, Nigeria e Usa
08/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Fine settimana all’insegna dei ribassi sui mercati petroliferi: nuovo scivolone con il Brent sceso attorno ai 46,30 dollari/barile, oltre il 3% in meno della seduta precedente; il Wti è sceso sotto la soglia dei 44 dollari. Le quotazioni sotto pressione a causa delle maggiori estrazioni in Usa, Libia e Nigeria. Dai dati diffusi dal dipartimento dell’Energia, gli stock di benzina si sono attestati in calo di 3,69 milioni di unità a 237,303 milioni, dopo la discesa di 894 mila barili dei sette giorni precedenti. Il numero delle trivelle attive negli Usa è tornato a crescere: i pozzi attivi sono saliti di 7 unità arrivando a quota 763. Cresce la produzione Opec, nonostante la decisione di estendere fino a marzo 2018 il programma di tagli produttivi. La Libia oggi produce oltre 1 mbg, contro i 400 mila bg di ottobre scorso. La Nigeria estrae al ritmo di 1,6 mbg, contro i 1,2 mbg di ottobre.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Balduino Ceppetelli (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]