Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in forte ribasso sulla crescita dell’offerta in Libia, Nigeria e Usa
08/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Fine settimana all’insegna dei ribassi sui mercati petroliferi: nuovo scivolone con il Brent sceso attorno ai 46,30 dollari/barile, oltre il 3% in meno della seduta precedente; il Wti è sceso sotto la soglia dei 44 dollari. Le quotazioni sotto pressione a causa delle maggiori estrazioni in Usa, Libia e Nigeria. Dai dati diffusi dal dipartimento dell’Energia, gli stock di benzina si sono attestati in calo di 3,69 milioni di unità a 237,303 milioni, dopo la discesa di 894 mila barili dei sette giorni precedenti. Il numero delle trivelle attive negli Usa è tornato a crescere: i pozzi attivi sono saliti di 7 unità arrivando a quota 763. Cresce la produzione Opec, nonostante la decisione di estendere fino a marzo 2018 il programma di tagli produttivi. La Libia oggi produce oltre 1 mbg, contro i 400 mila bg di ottobre scorso. La Nigeria estrae al ritmo di 1,6 mbg, contro i 1,2 mbg di ottobre.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Balduino Ceppetelli (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]

UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas

Otto paesi UE hanno firmato venerdì un documento congiunto per difendere il “ruolo del gas naturale in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”
[leggi tutto…]