Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, la finanza scommette sulla corsa verso gli 80 dollari
30/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante la corsa degli ultimi due anni, il mercato pensa che ci sia ancora spazio per la crescita del prezzo del petrolio e fissa la nuova asticella a 80 dollari. Lo rivelano non solo i report che vengono pubblicati quotidianamente, da fondi di investimento come Blackstone a banche d’affari come Citigroup (giusto per citare i più recenti), ma anche perché la finanza ci crede. Come ha rivelato l’agenzia Bloomberg, gli hedge fund stanno scommettendo sempre più forte sul petrolio e gli investimenti complessivi hanno raggiunto livelli senza precedenti. L’aumento dei prezzi secondo alcuni ha una ragione geopolitica e risponde al nome di Venezuela. Nonostante il rialzo del greggio abbia portato qualche vantaggio nelle disastrate casse dello stato sudamericano, è anche vero che il crollo degli ultimi due anni le aveva svuotate. E, soprattutto, aveva cancellato milioni di dollari in investimenti per ammodernare i pozzi e sviluppare nuove estrazioni. Morale: in Venezuela, nel corso dell’ultimo anno, la produzione di greggio è crollata dal 30%, a 1,6 milioni di barili al giorno. Un parere condiviso solo in parte dal numero uno di Eni Claudio Descalzi: il manager ritiene che i prezzi abbiano corso abbastanza e che si manterranno sui livelli attuali per tutto l’anno, ma allo stesso tempo avverte che saranno proprio i fattori geopolitici a condizionare l’andamento delle quotazioni.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]