Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, export Usa da primato ma l’Opec non ha perso la partita
25/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli Stati Uniti hanno esportato 1,2 milioni di barili di petrolio al giorno la settimana scorsa, e le estrazioni sono tornate a 9 milioni di barili al giorno, al massimo da aprile dell’anno scorso. Oltre Oceano anche le trivelle continuano a moltiplicarsi (+5% secondo le statistiche diffuse ieri da Baker Hughes). Nonostante tutto le quotazioni del barile non stanno soffrendo: giovedì il Wti ha chiuso ai massimi da quasi due anni (54,45%) e rimane intorno a 54 dollari. La volatilità si p molto ridotta dall’inizio dell’anno e gli hedge funds sono convintamente rialzisti, con un’esposizione netta lunga da primato. Tagliando la produzione il greggio, il gruppo Opec si proponeva di abbassare il livello delle scorte. E queste si stanno in effetti riducendo, persino negli Usa. Il mercato sembra oramai indirizzato verso la situazione di backwardation.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]