Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio debole, più shale oil dagli Usa
19/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

I prezzi del greggio cedono ancora qualche punto sulla scia dell’offerta americana dello shale oil: a pesare sul mercato sono ancora una volta i timori di un’abbondanza dell’offerta, acuiti dall’ultimo rapporto dell’Eia – Energy Information Administration. L’aumento dell’offerta del petrolio Usa sta infatti incidendo sulle strategie Opec tenuto conto che i Paesi del cartello vorrebbero diminuire l’offerta del greggio anche per il secondo semestre. Come ha ricordato ieri un’analista della Commerzbank: “La battaglia tra gli sceicchi e i produttori di shale oil è lontana dalla conclusione”.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – B. Ce. (pag.28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, Patuanelli punta sul tubo

A parte il colore , uno dei punti di frizione sulla questione degli incentivi per lo sviluppo dell'idrogeno è quella del trasporto
[leggi tutto…]

Gas, col rally dei prezzi olandesi l'Italia esporta (poco: 6 mln mc)

Con la corsa delle quotazioni del gas al Ttf olandese, che come già visto hanno superato in ottobre quelle italiane per diversi giorni, si sono visti anche piccoli quantitativi di gas esportati dall'Italia in direzione del Nord Europa
[leggi tutto…]

Aggiornamento legislativo 10-16 ottobre 2020

Monitoraggio legislativo
[leggi tutto…]