Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio debole, più shale oil dagli Usa
19/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

I prezzi del greggio cedono ancora qualche punto sulla scia dell’offerta americana dello shale oil: a pesare sul mercato sono ancora una volta i timori di un’abbondanza dell’offerta, acuiti dall’ultimo rapporto dell’Eia – Energy Information Administration. L’aumento dell’offerta del petrolio Usa sta infatti incidendo sulle strategie Opec tenuto conto che i Paesi del cartello vorrebbero diminuire l’offerta del greggio anche per il secondo semestre. Come ha ricordato ieri un’analista della Commerzbank: “La battaglia tra gli sceicchi e i produttori di shale oil è lontana dalla conclusione”.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – B. Ce. (pag.28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]

Border tax, Ets e neutralità carbonica: le promesse di Von der Leyen

Obiettivo di neutralità climatica al 2050 entro i primi 100 giorni di mandato da presidente: questa la promessa contenuta nelle lettere con cui Ursula von der Leyen chiede l'appoggio dei Socialisti e democratici e ai Liberali di Renew Europe p
[leggi tutto…]

Transitgas, così le cessioni Eni nel quarto trimestre

Nell'ambito delle procedure Eni per la cessione di capacità di trasporto gas dal Nord Europa avviate la scorsa estate per l'anno termico 2018-2019, Eni ha reso noto oggi il numero definitivo di lotti offerti relativamente al 4° trimes
[leggi tutto…]