Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio debole, più shale oil dagli Usa
19/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

I prezzi del greggio cedono ancora qualche punto sulla scia dell’offerta americana dello shale oil: a pesare sul mercato sono ancora una volta i timori di un’abbondanza dell’offerta, acuiti dall’ultimo rapporto dell’Eia – Energy Information Administration. L’aumento dell’offerta del petrolio Usa sta infatti incidendo sulle strategie Opec tenuto conto che i Paesi del cartello vorrebbero diminuire l’offerta del greggio anche per il secondo semestre. Come ha ricordato ieri un’analista della Commerzbank: “La battaglia tra gli sceicchi e i produttori di shale oil è lontana dalla conclusione”.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – B. Ce. (pag.28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal carbone al gas, Enel accelera la riconversione

La richiesta era stata presentata a gennaio e ora Enel ha avuto il via libera dal Ministero dello Sviluppo Economico per chiudere in anticipo, già a partire da gennaio prossimo, il gruppo 2 della centrale a carbone Federico II di Brindisi.
[leggi tutto…]

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]