Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio debole, più shale oil dagli Usa
19/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

I prezzi del greggio cedono ancora qualche punto sulla scia dell’offerta americana dello shale oil: a pesare sul mercato sono ancora una volta i timori di un’abbondanza dell’offerta, acuiti dall’ultimo rapporto dell’Eia – Energy Information Administration. L’aumento dell’offerta del petrolio Usa sta infatti incidendo sulle strategie Opec tenuto conto che i Paesi del cartello vorrebbero diminuire l’offerta del greggio anche per il secondo semestre. Come ha ricordato ieri un’analista della Commerzbank: “La battaglia tra gli sceicchi e i produttori di shale oil è lontana dalla conclusione”.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – B. Ce. (pag.28)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Russia-Ucraina, ancora nessun accordo sul transito di gas

Nessuna decisione concreta ma l’impegno a continuare a lavorare per arrivare a un accordo prima della fine dell’anno, quando scadrà il contratto di transito del gas verso l’Europa.
[leggi tutto…]

Settimana Ue: il gas nel trilaterale Ue-Russia-Ucraina

Lo stato delle relazioni tra Ue e Russia è il primo punto in programma nella riunione della Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento europeo.
[leggi tutto…]

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]