Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, dalle calamità rischi per la domanda
12/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli uragani potrebbero pesare più sulla domanda che sull’offerta petrolifera, costringendo l’Opec ad ulteriori sacrifici per smaltire l’eccesso di scorte sul mercato. Non è il funzionamento dei pozzi o l’attività dei giacimenti ad essere a rischio. Ad accusare gravi danni sono state solo le raffinerie e altri stabilimenti petrol-chimici. Ci vorrà tempo prima che l’attività economica riesca a ripartire. Goldman Sachs prevede che nel mese di settembre i due urganani ridurranno la domanda petrolifera di ben 900 mila barili al giorno, quindi si stima un accumulo di 600 mila bg questo mese. L’Opec sta già esaminando le contromisure.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]

Sanzioni Iran, “gli Stati Uniti non concederanno ulteriori deroghe”

Il rappresentate speciale per l’Iran del Dipartimento di Stato Usa ha annunciato che la Casa Bianca non concederà più alcun tipo di deroga alle sanzioni sui traffici petroliferi della Repubblica Islamica.
[leggi tutto…]

Gas, nasce il forum del Mediterraneo orientale

A breve sarà creato l’East Mediterranean Gas Forum (Emgf), iniziativa per “monetizzare le riserve di gas del Mediterraneo orientale”
[leggi tutto…]