Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, dalle calamità rischi per la domanda
12/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

Gli uragani potrebbero pesare più sulla domanda che sull’offerta petrolifera, costringendo l’Opec ad ulteriori sacrifici per smaltire l’eccesso di scorte sul mercato. Non è il funzionamento dei pozzi o l’attività dei giacimenti ad essere a rischio. Ad accusare gravi danni sono state solo le raffinerie e altri stabilimenti petrol-chimici. Ci vorrà tempo prima che l’attività economica riesca a ripartire. Goldman Sachs prevede che nel mese di settembre i due urganani ridurranno la domanda petrolifera di ben 900 mila barili al giorno, quindi si stima un accumulo di 600 mila bg questo mese. L’Opec sta già esaminando le contromisure.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]