Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio, cala la produzione ma dopo aver corso nel 2016
14/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Mantenuti gli impegni, presi lo scorso dicembre, di tagliare la produzione di petrolio; tuttavia nel corso di tutto il 2016 la produzione di greggio è continuata a salire: per cui il risultato finale è una sorta di ritorno alla situazione di partenza. Quello di cui erano già a conoscenza gli analisti è diventato ufficiale con i dati resi pubblici ieri dall’Opec, il principale cartello dei paesi produttori di greggio. Dopo l’accordo per il taglio delle quote, deciso nel tentativo di far salire i prezzi sul mercato, la produzione a livello mondiale a gennaio è scesa a 95,8 milioni di barili al giorno: un calo di 1,3 milioni rispetto al mese precedente. Ma se facciamo il raffronto rispetto al gennaio di un anno fa, il calo si riduce di quasi due terzi, pari a 0,46 milioni. Non per nulla i prezzo del petrolio da inizio anno sono praticamente stabili e, ieri, dopo l’annuncio i future a New York hanno perso l’1,7% a 53 dollari.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]