Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in caduta. L’incubo scorte torna in primo piano
14/07/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Il problema delle scorte è di nuovo tornato a dominare la scena sui mercati petroliferi. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nei Paesi Ocse sono al record storico di oltre 3 miliardi di barili, custodite in parte anche a bordo di petroliere. Il fenomeno degli stoccaggi galleggianti sarebbe a livelli che non si vedevano dal 2009. L’allarme è stato confermato anche dagli Stati Uniti. Per questo le quotazioni del petrolio, già in calo dall’avvio di seduta, hanno cancellato il forte rimbalzo di martedì: Brent e Wti hanno chiuso in ribasso di oltre il 4% ai minimi da due mesi. Secondo l’Agenzia, l’esistenza di scorte molto elevate è una minaccia alla recente stabilità dei prezzi.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]