Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in caduta. L’incubo scorte torna in primo piano
14/07/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Il problema delle scorte è di nuovo tornato a dominare la scena sui mercati petroliferi. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nei Paesi Ocse sono al record storico di oltre 3 miliardi di barili, custodite in parte anche a bordo di petroliere. Il fenomeno degli stoccaggi galleggianti sarebbe a livelli che non si vedevano dal 2009. L’allarme è stato confermato anche dagli Stati Uniti. Per questo le quotazioni del petrolio, già in calo dall’avvio di seduta, hanno cancellato il forte rimbalzo di martedì: Brent e Wti hanno chiuso in ribasso di oltre il 4% ai minimi da due mesi. Secondo l’Agenzia, l’esistenza di scorte molto elevate è una minaccia alla recente stabilità dei prezzi.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]