Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in caduta. L’incubo scorte torna in primo piano
14/07/2016 - Pubblicato in stoccaggi

Il problema delle scorte è di nuovo tornato a dominare la scena sui mercati petroliferi. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nei Paesi Ocse sono al record storico di oltre 3 miliardi di barili, custodite in parte anche a bordo di petroliere. Il fenomeno degli stoccaggi galleggianti sarebbe a livelli che non si vedevano dal 2009. L’allarme è stato confermato anche dagli Stati Uniti. Per questo le quotazioni del petrolio, già in calo dall’avvio di seduta, hanno cancellato il forte rimbalzo di martedì: Brent e Wti hanno chiuso in ribasso di oltre il 4% ai minimi da due mesi. Secondo l’Agenzia, l’esistenza di scorte molto elevate è una minaccia alla recente stabilità dei prezzi.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]