Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in caduta del 4%. Iniziano le prese di profitto
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ha iniziato l’anno col botto, ma l’entusiasmo si è smorzato in fretta. Il Brent – che si era spinto fino a 58,37 dollari al barile il 3 gennaio – ieri ha vissuto la seduta più pesante del 2017, conclusa con un ribasso di quasi il 4% a 54,94 $. Stessa storia per il Wti, con il contratto per marzo sceso a 51,96 $ (-3,8%) nonostante le tensioni nello Stretto di Hormuz, crocevia in cui transita un quinto delle forniture mondiali di greggio. Non ha avuto effetti positivi neppure l’apparente diligenza della Russia: la sua produzione petrolifera, dicono i dati del ministero dell’Energia, è già scesa di circa 100mila barili al giorno (a 11,1 milioni di bg), un terzo del taglio promesso all’Opec. È probabile che i ribassi sul mercato siano banalmente la conseguenza dell’eccessiva esposizione al rialzo da parte dei fondi di investimento, che sull’onda dell’entusiasmo per i tagli produttivi hanno accumulato una posizione netta lunga (all’acquisto) da primato.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]