Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Petrolio in caduta del 4%. Iniziano le prese di profitto
10/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio ha iniziato l’anno col botto, ma l’entusiasmo si è smorzato in fretta. Il Brent – che si era spinto fino a 58,37 dollari al barile il 3 gennaio – ieri ha vissuto la seduta più pesante del 2017, conclusa con un ribasso di quasi il 4% a 54,94 $. Stessa storia per il Wti, con il contratto per marzo sceso a 51,96 $ (-3,8%) nonostante le tensioni nello Stretto di Hormuz, crocevia in cui transita un quinto delle forniture mondiali di greggio. Non ha avuto effetti positivi neppure l’apparente diligenza della Russia: la sua produzione petrolifera, dicono i dati del ministero dell’Energia, è già scesa di circa 100mila barili al giorno (a 11,1 milioni di bg), un terzo del taglio promesso all’Opec. È probabile che i ribassi sul mercato siano banalmente la conseguenza dell’eccessiva esposizione al rialzo da parte dei fondi di investimento, che sull’onda dell’entusiasmo per i tagli produttivi hanno accumulato una posizione netta lunga (all’acquisto) da primato.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]